» Vai al contenuto
» Vai alla navigazione
» Navigazione interna
» Cerca nel sito

» Area Banner


Monza e Brianza

Torna alla home page

Accessibilità

 

 


Lavori in corso

Info:
Sede di Monza
Via Grigna, 13 20090
Tel.: 039.975.2215
» Scrivi una mail


SP6 Monza Carate - secondo lotto (tangenzialina Ospedale di Monza)

Aggiornamento luglio 2018

Sono incominciati i lavori strutturali di completamento degli ultimi 70 metri dell’impalcato della galleria (imbocco galleria lato nord), nei pressi di via Boito. Il cantiere durerà nel complesso fino a fine mese, primi giorni di agosto.
 


Aggiornamento cantiere sp6 al 18 giugno 2018

Lavori eseguiti

  • Completamento e messa in sicurezza, in via della Fortuna, delle parti di cantiere in prossimità delle abitazioni per non creare ulteriori disagi ai cittadini (ripristini illuminazione, allacciamenti utenze e idranti di soprassuolo, ecc.)
  • Ultimazione di alcune opere strutturali (imbocco galleria lato sud) necessarie al completamento dell’impalcato
  • Conclusione della gara d’appalto per l’affidamento dei lavori strutturali di completamento dell’impalcato (imbocco galleria lato nord), nei pressi di via Boito, e relativa consegna lavori prevista nei prossimi giorni (durata complessiva lavori: circa 40gg)
     

Attività amministrativa in corso

  • Prosieguo dell’iter tecnico-amministrativo avviato dopo la richiesta di risoluzione contrattuale per gravi inadempienze ed irregolarità nei confronti della ditta appaltatrice, volto al collaudo delle opere sin qui eseguite (collaudi statici, tecnico-amministrativi e impiantistici)
  • In corso di ultimazione la riprogettazione delle opere ancora mancanti per portare a compimento tutto il cantiere (per un valore di progetto pari a circa il 25% delle opere complessive)
     

Nota tecnico – legale: aggiornamento al 15 febbraio 2018

Si sono concluse le operazioni per la redazione dello stato di consistenza dei lavori, a seguito della risoluzione contrattuale che l’Amministrazione Provinciale ha messo in atto nei confronti della Ditta appaltatrice.
Da mercoledì 21 febbraio le aree del cantiere torneranno nella piena disponibilità della Provincia che potrà riavviare le attività più urgenti entro lunedì 26 febbraio.
Sono in corso di formalizzazione gli atti con le imprese individuate per completare e mettere in sicurezza in particolare le parti di cantiere in prossimità delle abitazioni per non creare ulteriori disagi ai cittadini.
Si tratta, infatti, di interventi già inclusi nel progetto appaltato, ma non più eseguiti da parte dell’Appaltatore principale e riguardano la pavimentazione per garantire la sicura fruibilità pedonale e carrabile del suolo pubblico e privato, la rimessa in pristino delle porzioni di fondi privati, degli impianti atti a ricondurre in sicurezza la fruizione diurna e notturna degli accessi oltre che concludere alcune opere strutturali.
Intanto gli uffici stanno portando avanti l’iter tecnico-amministrativo avviato dopo la richiesta di risoluzione contrattuale per gravi inadempienze ed irregolarità nei confronti della ditta appaltatrice. 

*** Aggiornamento calendario attività causa maltempo ***

Si informa che a causa delle  avverse condizioni climatiche della scorsa settimana, le consegne dei lavori di completamento degli impianti e delle strutture necessarie a rispristinare lo stato dei luoghi e sedimi delle proprietà private interessate dallo scavo della galleria sono state riprogrammate per il mese di marzo ’18. Operativamente si prevede che le attività di cantiere, dopo l’approvvigionamento dei materiali e mezzi necessari, in corso in questi giorni, possano avere materialmente corso dalla prossima settimana, salvo imprevisti.

 


Nota tecnico – legale: aggiornamento al 16 gennaio 2018

In data 11 gennaio 2018 la Provincia MB ha risolto il contratto per inadempimento dell’appaltatore.
Anche gli ultimi approfondimenti  giuridici – legali, effettuati nei primi giorni di gennaio, hanno evidenziato una  situazione tale da dover procedere alla risoluzione contrattuale.

Nel frattempo, proseguono le attività tecniche finalizzate ad individuare gli interventi urgenti da eseguire privilegiando la messa in sicurezza rispetto a potenziali pericoli per l’utenza con  la conclusione, laddove possibile, della parti superiori alla galleria in modo da ridurre i disagi e restituire le aree alle proprietà interessate e con gli interventi per la salvaguardia di parti dell’opera realizzata per impedirne/evitarne il deterioramento.
Il Direttore responsabile/RUP ha convocato  il Collaudatore e la Direzione Lavori per avere un ulteriore quadro della situazione del cantiere e per individuare gli interventi prioritari.
 


Nota tecnico – legale: aggiornamento al 19 dicembre 2017

In data 13 dicembre 2017, nonostante l’emissione di Ordine di Servizio della Provincia di Monza e Brianza contenenti disposizioni perentorie finalizzate alla ripresa dei lavori interrotti senza  alcun preavviso, è stato appurato che l’impresa non ha ripreso le lavorazioni.  Alla presenza della Direzione lavori incaricata dalla Provincia oltre che di due testimoni e’ stato redatto un verbale in cui è stato constatato formalmente l’inadempimento.

In data 14 dicembre 2017 la Provincia MB, attraverso il Responsabile Unico del Procedimento (RUP), ha chiesto alla Direzione Lavori di avviare prioritariamente le attività di ricognizione delle opere necessarie da completare per rimettere in pristino con priorità le proprietà private interessate dai lavori, partendo da via della Fortuna, che si trova a cavallo tra i Comuni di Lissone e Monza.

In data 15 dicembre 2017 si è svolto un incontro tra il Rup, i tecnici della Provincia e l’Avvocatura per le opportune valutazioni di ordine tecnico-giuridico-amministrativo necessarie per la individuazione dei successivi adempimenti stante altresì la posizione di difficoltà finanziaria dell’impresa.

La Provincia conferma che le risorse necessarie per la conclusione dei lavori sono disponibili e presenti nel bilancio.
 


 Nota tecnico - legale: aggiornamento al 30 novembre 2017


30 novembre 2017.Il cantiere per il completamento della tangenzialina dell’Ospedale sulla SP6 Monza-Carate, nel tratto compreso tra la rotatoria della Birona e via Nobel, ha subito diversi stop and go nel corso degli anni, anche a causa del fallimento dell’impresa vincitrice dell’appalto, sostituita poi dall’attuale impresa.
Dopo una partenza rallentata i lavori sono ripresi nel luglio 2015 e proseguiti a passo spedito per arrivare al completamento delle lavorazioni più complesse e più impegnative, dal punto di vista strutturale, con un quadro economico positivo grazie al ribasso d’asta che ha comportato - caso piuttosto raro – un minor costo rispetto all’impegno economico iniziale. Il quadro economico aggiornato lo scorso aprile era pari a 12.124.000 euro, con un risparmio netto per la Provincia di 2,2 milioni di euro rispetto allo stanziamento originario.
Il traguardo sembrava vicino - il cantiere infatti secondo le attuali previsioni contrattuali, avrebbe dovuto chiudere entro fine gennaio 2018 - ma dall’Impresa è arrivato un nuovo e imprevisto stop: presso il cantiere è stata sospesa ogni attività senza alcuna autorizzazione né da parte della Direzione Lavori né tanto meno della Provincia.
L’Amministrazione Provinciale, costantemente aggiornata dalla Direzione Lavori, ha cercato, senza esito, di contattare l’impresa per capire le motivazioni di questo imprevisto abbandono di cantiere e arresto dei lavori. Ciò al fine di poter analizzare, congiuntamente, anche con particolare riferimento alle posizioni dei subappaltatori, soluzioni adottabili per arrivare al completamento dei lavori.
Le difficoltà dell’Impresa si sono palesate con riferimento a sue situazioni debitorie. La Provincia, è stata obbligata ad adempiere alle esposizioni debitorie dell’Impresa stessa, nonostante  esse non  riguardassero il presente appalto.
Il Presidente della Provincia MB ha fissato un incontro con i vertici dell’impresa che però non si sono presentati alimentando così le preoccupazioni sul futuro del cantiere in cui sono stati già eseguiti circa l’80% dei lavori.
I tecnici e l’Avvocatura della Provincia stanno valutando tutte le ipotesi consentite dalla legge, per terminare i lavori restanti.
Le priorità riguardano la conclusione delle opere, soprattutto in prossimità delle abitazioni, per non creare ulteriori disagi ai cittadini che stanno convivendo da un paio di anni con il cantiere.
 

 


Archivio

 

 

Pagina aggiornata il 18 giugno 2018