» Vai al contenuto
» Vai alla navigazione
» Navigazione interna
» Cerca nel sito

» Area Banner


Monza e Brianza

Torna alla home page
Sei in: Home < Scopri il Territorio MB < Cornate d'Adda

Accessibilità

 

 


Cornate d'Adda

cornatedAdda_def

Info
--------------------------------
Via Alessandro Volta 29
20872
Tel.: 039.687451 
» Scrivi una mail

» PEC

 

Sindaco: Fabio Quadri
» Scrivi una mail

 

» Vai al sito di Cornate d'Adda


Popolazione e territorio
La superficie del comune è di 14 kmq per una popolazione di 9833 abitanti (al 31.12.2007). Di questi 1457 sono bambini (dati 2007) con meno di 14 anni, mentre 389 sono anziani (dati 2007) al di sopra di 80 anni. Il saldo migratorio, cioè la differenza tra immigrati ed emigrati nel corso dell'anno (iscritti e cancellati all'anagrafe da e per l'estero) è di 59 unità (dati 2007)

Nome degli abitanti: Cornatesi

 

Data ultima elezione: 25 maggio 2014
Collegio Senato (prima della Legge 270/2005):n.15
Collegio Camera dei Deputati (prima della Legge 270/2005):n.27
Collegio Provinciale :n.24
(Cassano d'Adda, Monza II)

 

Storia del comune
Sulla riva dell'Adda - con i suoi antichi nuclei di Colnago, Cornate e Porto d'Adda unificati nel 1870 - Cornate si trova a nord di Trezzo in un ambiente spesso suggestivo e molto verde. Le strette che in questa zona il fiume attraversa impetuoso costrinsero, per consentire la navigabilità dal Lago di Como, a costruire fra Cinquecento e Settecento il naviglio di Paderno. AColnago è situata la Villa Paradiso, fabbricata a fine XVI secolo dai Gesuiti. A Porto, all'altezza di un guado in uso fin dall'età romana, è in esercizio dal 1898 la centrale idroelettrica Bertini, all'epoca la più potente del genere in Europa, che portava elettricità a Milano grazie a una linea aerea di 32 chilometri. In località Resega, circa un chilometro più a valle, lavora dal 1914 in parallelo con la Bertini la centrale idroelettrica Esterle, edificata in uno stile eclettico che può ricordare quello adottato pochi anni prima per il rifacimento del Castello Sforzesco a Milano.

 

Storia dello stemma
Lo stemma del Comune di Cornate d'Adda si ritiene possa derivare, in gran parte, dallo stemma dell'antica famiglia lombarda dei Vimercati, che dal 1681 era stata feudataria del feudo di Cornate d'Adda. Lo stemma di questa famiglia, descritto a pagina 97 del Volume III del Dizionario storico-blasonico di G.B. di Crollalanza, risulta in effetti molto simile a quello del Comune. Le due variazioni principali sono rappresentate dalle due spade incrociate (in araldica due figure "in croce di S. Andrea" indicano due figure incrociate fra di loro in diagonale) e dalla bordura d'azzurro, posta nel capo dello scudo (ossia la lista azzurra aderente al lato superiore dello scudo). La bordura azzurra si dice "cucita" al campo di rosso, in quanto, essendo vietato, in araldica, sovrapporre un colore (l'azzurro della bordura) a un altro colore (il rosso del campo) - in quanto il colore sovrapposto male aderirebbe al colore sottostante - l'unico sistema per fare aderire la figura azzurra al campo di rosso è quello di cucire materialmente la figura sopra il campo.