» Vai al contenuto
» Vai alla navigazione
» Navigazione interna
» Cerca nel sito

» Area Banner


Monza e Brianza

Torna alla home page

Accessibilità

 

 


Mezzago

mezzago_def

Info
--------------------------------
Via Fratelli Brasca 5
20883
Tel.: 039.606761 
» Scrivi una mail

» PEC

 

Sindaco: Giorgio Monti
» Scrivi una mail

 

» Vai al sito di Mezzago


Dati
Nome abitanti: Mezzaghesi
Superficie: 4 Kmq
Popolazione (al 31.12.2006): 3.705

 

Elezioni
Data ultima elezione: 25 maggio 2014
Collegio Senato (prima della Legge 270/2005): n. 15
Collegio Camera dei Deputati (prima della Legge 270/2005): n. 27
Collegio Provinciale: n. 3 Bellusco

 

Storia del Comune
Sotto un nome che potrebbe derivare da quello della famiglia d'origine romana degli Amicius, passato nei secoli attraverso versioni come Amiciacum e Amezago, è un abitato del Vimercatese dalle consolidate tradizioni agricole, storicamente dedito anche all'allevamento di ovini e alla bachicoltura e noto dagli anni '30 del Novecento per gli asparagi che vi si coltivano. Il Palazzo Archinti, con una torre e alcuni corpi di fabbrica che risalgono al XII secolo, era in origine sede di frati Umiliati; nei secoli successivi ha vissuto più volte trasferimenti di proprietà da una famiglia all'altra. Data dal XIII secolo la chiesa di Santa Maria Assunta, trasformata in successive occasioni dopo il Seicento. Al di là degli edifici storici, la fama di Mezzago presso il pubblico giovanile lombardo è dipesa nell'ultimo quindicennio dalle attività del Bloom, noto centro culturale multimediale nel quale spesso si esibiscono gruppi musicali di ottimo livello.

 

Storia dello stemma
Lo stemma del Comune di Mezzago è riuscito a fondere due elementi di diversa natura: da un lato, ha voluto illustrare graficamente il significato della sua denominazione; dall'altro, ha inteso rappresentare qualche figura che si richiamasse alla sua storia. Per la prima di queste due esigenze, è stata utilizzata la partizione araldica del "troncato": scudo diviso in due parti uguali da una linea orizzontale posta a metà della sua altezza. Così facendo, le due mezze parti dello scudo richiamano, per assonanza, il nome Mezzago realizzando in tal modo una strana forma di stemma parzialmente "alludente". Per concretare invece la seconda esigenza (accertato che la famiglia lombarda dei Secchi era stata feudataria, fin dal 1475, della pieve di Vimercate, di cui Mezzago faceva allora parte) si è ritenuto di inserire nello stemma la figura del leone che tiene con una branca una spada, che è proprio la figura principale dello stemma di questa antica famiglia lombarda (vedi pagina 517 del Volume II del Dizionario storico-blasonico di G.B. di Crollalanza).