» Vai al contenuto
» Vai alla navigazione
» Navigazione interna
» Cerca nel sito

» Area Banner


Monza e Brianza

Torna alla home page

Accessibilità

 

 


Seveso

logoseveso100

Info
--------------------------------
viale Vittorio Veneto 3/5
20822
Tel.: 0362/5171
» Scrivi una mail

» PEC
 

Sindaco: Paolo Butti
» Scrivi una mailSindaco: Paolo Butti


» Vai al sito di Seveso


Dati
Nome abitanti:Sevesini
Superficie: 7 kmq
Popolazione (al 31.12.2006): 20610


Elezioni
Data ultima elezione:9,10 giugno 2013
Collegio Senato (prima della Legge 270/2005): n. 13
Collegio Camera dei Deputati (prima della Legge 270/2005): n. 23
Collegio Provinciale : n. 33 Seveso


 

Storia del Comune
Sotto lo stesso nome del corso d'acqua che nasce nel territorio della Provincia di Como quasi al confine svizzero e segna a memoria d'uomo il limite occidentale della Brianza, finendo per immettersi nella Cerchia dei Navigli milanesi, l'antica "Seuse" di origini gallo-romane è oggi un vivace centro industriale lungo la statale 35 dei Giovi, ben servito dalle Ferrovie Nord verso Como e dalla superstrada Milano- Lentate. Citata per la prima volta in un documento del 996, nel Medioevo importante capopieve, fu nel 1252 luogo di morte di frate Pietro da Verona - un persecutore di eretici, su cui questi si vendicarono - ricordato attraverso il nome della frazione di San Pietro Martire oltre che, a Milano, dalla sua arca sepolcrale nel Sant'Eustorgio. A Seveso sono architettonicamente importanti l'edificio della prepositurale dei Santi Gervasio e Protasio, di fabbrica cinquecentesca, come la Vi lla Bianca (1936-37), opera del grande architetto razionalista comasco Giuseppe Terragni.

 

Storia dello stemma
L'origine delle diverse figure di questo stemma risulta essere molto articolata. Tralasciando la figura del castello, probabile testimonianza di una antica costruzione un tempo esistente sul territorio, l'elemento più importante dei primi due quarti dello stemma è costituito dalla figura di San Pietro, che risulta sia stata tratta da un antico stemma relativo alla "Comunità di Seveso", riprodotto a pagina 325 del Volume I dello Stemmario Cremosano. La banda ondata d'argento, del terzo quarto dello stemma del Comune, che vuole alludere al fiume Seveso, è stata ricavata dallo stemma di questa comunità, riprodotto nel Codice Araldico istituito da Maria Teresa nella seconda metà del Settecento, conservato nell'Archivio di Stato di Milano. Infine l'ara romana sormontata da una fiamma - nella quarta sezione dell'inquartato - allude alle cinque are romane rinvenute a Seveso durante gli scavi per l'ultimo ampliamento della chiesa prepositurale, esattamente sotto il vecchio campanile, abbattuto nel 1895. Con D.P.R. del 18 giugno 2003 al Comune di Seveso è stato concesso il titolo di Città.