» Vai al contenuto
» Vai alla navigazione
» Navigazione interna
» Cerca nel sito

» Area Banner


Monza e Brianza

Torna alla home page
Sei in: Home < Scopri il Territorio MB < Sulbiate

Accessibilità

 

 


Sulbiate


sulbiate_def

 Info
--------------------------------
via Achille Grandi, 1
20884
Tel.: 039/6020975
» Scrivi una mail

» PEC


Sindaco: Crespi Andrea
» Scrivi una mail


» Vai al sito di Sulbiate
 


Dati
Nome abitanti:Sulbiatesi
Superficie: 5 kmq
Popolazione (al 31.12.2006): 3678


Elezioni
Data ultima elezione:maggio 2012
Collegio Senato (prima della Legge 270/2005): n. 15
Collegio Camera dei Deputati (prima della Legge 270/2005): n. 27
Collegio Provinciale : n. 3 Bellusco


 

Storia del Comune
Il nome "Sebeate" compare in alcuni documenti scritti sin dal 998, riferito a un Comune che è oggi formato dall'unione dei secolari insediamenti di Sulbiate Inferiore, Sulbiate Superiore e Brentana, oltre alle cascine Ca' e Cazzullo. ASulbiate Inferiore, il castello Olgiati Lampugnani sorse dopo che nel 1452 il mercante milanese Paolo Lampugnani ebbe ottenuto da Francesco Sforza il privilegio di costruire una residenza fortificata; successivamente ampliato con corti barocche, l'edificio è più volte passato di mano, e dal 1905 appartiene alla famiglia Cremonesi. Nella medesima località, l'oratorio romanico di Sant'Ambrogio faceva parte di un monastero femminile benedettino. La facciata neogotica è molto più recente, e rilevanti appaiono gli adattamenti apportati nei secoli, anche se gli affreschi all'interno sono ancora in gran parte duecenteschi.

 

Storia dello stemma
L'origine dello stemma di questo Comune va ricercata in due direzioni. Da un lato, si è voluto inserire nello stemma la figura araldica di un antico manufatto, tuttora esistente nel territorio comunale; dall'altro, si è voluto evidenziare, ricorrendo ai colori dello scudo, l'appartenenza del Comune a un determinato territorio. Più in particolare, la figura del mastio d'oro di tre pezzi, che troneggia nel centro della scudo, ricorda il castello di Sulbiate Inferiore, della seconda metà del secolo XV, che era stato a suo tempo residenza delle famiglie Lampugnani e Olgiati. I colori argento e rosso del "partito", che costituiscono il fondo dello scudo, vogliono invece alludere al fatto che Sulbiate aveva fatto e fa tuttora parte del territorio milanese: il bianco (del fondo del campo) e il rosso (della croce) costituiscono infatti i colori che caratterizzano lo stemma del Comune di Milano. Dal punto di vista araldico, si fa presente che questo stemma risulta chiuso e finestrato d'argento, e non di nero, come dovrebbe. Si nota, inoltre, l'uso scorretto del colore bianco, al posto dell'argento.