» Vai al contenuto
» Vai alla navigazione
» Navigazione interna
» Cerca nel sito

» Area Banner


Monza e Brianza

Torna alla home page
Sei in: Home < news

Accessibilità

 

 


Monza e Brianza


16 dicembre 2009
Una task-force anticrisi per le aziende MB

Monza, 16 dicembre 2009. Sono 9 le firme che siglano il patto anticrisi della Brianza, sottoscritto oggi nella Sala Giunta della nuova Provincia MB.
Oltre al Presidente Dario Allevi, infatti, hanno firmato il documento la Camera di Commercio MB, Confindustria Monza e Brianza, APA Confartigianato, CONFAPI Milano, CDO Monza e Brianza, Unione Artigiani Monza e Brianza, le segreterie provinciali CGIL CISL UIL, i Presidenti delle Assemblee dei Sindaci dei 5 piani sociali di zona.
L’intesa parte dall’analisi dei dati relativi alla caduta della domanda a livello internazionale che hanno portato - particolarmente in Brianza - la drastica diminuzione dell’export e un forte rallentamento nel settore delle costruzioni, che hanno causato a loro volta la “perdurante difficoltà di numerose piccole e piccolissime imprese - in particolare quelle artigiane – a sostenere investimenti per l’innovazione”.

Gli ultimi dati a disposizione, relativi ai primi 9 mesi del 2009, elaborati dall’Osservatorio Mercato del Lavoro MB, avevano registrato – infatti - una diminuzione delle opportunità lavorative in Brianza pari a circa 2000 unità, tanto che gli avviamenti risultavano inferiori del 21% rispetto allo stesso periodo del 2008. Le cifre fornite dall’Osservatorio descrivono l’industria come il settore maggiormente colpito dalla crisi, con un – 35,4% di avviamenti nel primo semestre pari a 4000 avviamenti in meno. Gli altri comparti, pur in calo rispetto al 2008, si sono attestati su percentuali meno traumatiche: commercio e servizi – 9,9%, edilizia e costruzione -29,1%.
Per affrontare la situazione sono 9 le azioni anticrisi che compongono il pacchetto siglato oggi per la Brianza: la prima riguarda il sistema produttivo con l’impegno a salvaguardare le filiere nella loro interezza e indirizzare la crescita competitiva verso le attività tecnologiche più innovative; la seconda riguarda l’occupazione, con lo sforzo di promuovere l’utilizzo degli ammortizzatori sociali e l’integrazione al reddito; segue la formazione, con l’impegno a riqualificare i lavoratori sospesi o in mobilità, anche con l’utilizzo dei finanziamenti FSE; per il welfare l’impegno è intervenire in modo tempestivo ed efficace a tutela delle persone e delle famiglie; per le strategie comune verso la ripresa si punta su ricerca e innovazione a sostegno del lavoro e del sistema produttivo; l’impegno comune sugli investimenti pubblici si concentra a semplificare le procedure per accelerare i tempi di istruttoria e di approvazione e privilegia il criterio dell’offerta economicamente vantaggiosa per l’aggiudicazione degli appalti pubblici rispetto al massimo ribasso, anche per favorire l’emersione del lavoro nero; sulla mobilità si condivide un impegno comune e straordinario per sbloccare gli iter di approvazione e finanziamento delle opere; sul rafforzamento della filiera istituzionale si conferma il ruolo di regia svolto dalla nuova Provincia MB nel valorizzare gli enti accreditati sul territorio per i servizi alla formazione e al lavoro; si concorda infine sul rafforzamento dei Consorzi Fidi (Confidi) come snodo fondamentale tra il sistema delle imprese e il sistema creditizio.

La nuova Provincia negli ultimi mesi ha messo in campo una serie di interventi anticrisi stanziando oltre 350.000 Euro – ha spiegato Dario Allevi, Presidente della Provincia MB – Misure importanti, destinate alle diverse fasce colpite: dalle famiglie, ai poveri ai lavoratori in cassa integrazione”. “Con l’intesa di oggi miglioriamo il coordinamento e costruiamo ponti preziosi con le istituzioni – continua il Presidente – perché mai come in questo caso il gioco di squadra fa la differenza!”.

 

Leggi il documento