» Vai al contenuto
» Vai alla navigazione
» Navigazione interna
» Cerca nel sito

» Area Banner


Monza e Brianza

Torna alla home page
Sei in: Home < news

Accessibilità

 

 


news


14 dicembre 2018
Il Consiglio provinciale approva il Bilancio pluriennale 2019/2021

Monza, 14 dicembre 2018. La Provincia MB è tra le prime Province ad approvare il Bilancio di previsione 2019/2020 entro il 31 dicembre. Nella seduta di ieri, infatti, il Consiglio Provinciale ha votato la “finanziaria” dell’Ente per il triennio con volumi così distribuiti: 111.165.155,54 euro per il 2019; 98.779.032,56 euro per il 2020; 90.385.664,76 per il 2021.

Aver raggiunto l’obiettivo di approvare il documento unico di programmazione ed il bilancio per gli esercizi 2019/2020/2011 entro il 31 dicembre è il segnale della ritrovata determinazione della Provincia nello svolgere il ruolo che le è costituzionalmente assegnato - commenta il Presidente Roberto Invernizzi – Dopo anni di bilanci chiusi con difficoltà, ora siamo dotati di uno strumento che assicura le risorse per le funzioni fondamentali e per la gestione ordinaria, compresa una significativa ripresa delle manutenzioni a strade e scuole che per alcuni anni non è stato possibile mantenere secondo gli standard qualitativi che i cittadini si attendono. Rimangono aperte tre questioni fondamentali: la dotazione organica del personale che ha subito riduzioni che rischiano di compromettere l’operatività dell’Ente; la questione del residuo fiscale che lascia troppe poche risorse sul territorio e la conseguente compressione degli investimenti che potremo fare solo attraverso stanziamenti statali sui quali non abbiamo certezza di continuità. Ringrazio tutti i dipendenti che in tutti questi anni non hanno mai smesso di credere nell’importanza del proprio lavoro a servizio della comunità della Brianza”.

Pesa ancora sul bilancio 2019 il contributo alla finanza pubblica: la Provincia dovrebbe incassare, come entrate tributarie proprie, 62.650.000,00 euro a fronte di un versamento allo Stato, pari ad 48.915.791,87 euro. Significa che lo Stato preleverà il 78,08% delle entrate che sono la somma che i cittadini pagano attraverso l’imposta di trascrizione autoveicoli (ipt), l’addizionale sulla responsabilità civile auto (rc-auto) e l’addizionale alla tariffa rifiuti. Lo scorso il prelievo valeva l’85,12%.
Per gli anni 2019 – 2020 – 2021 sono stati conseguiti gli equilibri di legge e soddisfatti gli obiettivi di finanza pubblica.

Restano nella disponibilità di spesa dell’Ente 13.734.208,13 euro di entrate tributarie proprie.

A questo valore vanno sommati i trasferimenti statali per l’esercizio delle funzioni fondamentali pari ad 12.998.958,16 euro, oltre ad 365.560,39 euro per trasferimenti compensativi; le assegnazioni regionali pari 4.837.804,15 euro; gli altri trasferimenti correnti pari a 1.379.189,82; infine le entrate extratributarie pari a 3.054.376,15 euro.
Il portafoglio di risorse correnti ammonta a 35.642.686,14 geuro per fare fronte agli oneri finanziari da sostenere per le spese di personale, per il pagamento delle imposte e delle tasse, per la gestione del debito derivante dai mutui e dai prestiti in corso di ammortamento, per la gestione del patrimonio adibito ad uffici e servizi, per il funzionamento dell’Ente e per l’acquisto di beni e servizi per l’esercizio delle proprie funzioni fondamentali. Rientrano nelle spese correnti le spese correlate ai trasferimenti regionali così distribuiti: circa 2 milioni dal Fondo disabili per finanziare la Dote impiego; 1.584.279 per finanziare le funzioni relative al mercato del lavoro attraverso i Centri per l’impiego; 51 mila euro per le attività culturali.
Sono compresi nelle spese correnti 1.600.000,00 euro per la manutenzione degli edifici scolatici e degli stabili a cui si aggiungono 180.000,00 euro per la manutenzione del verde; 3.900.000,00 euro per l’appalto calore; 100.000,00 euro per la manutenzione degli impianti degli ascensori; 230.000,00 euro per i cancelli antintrusione. Sono destinati alla manutenzione ordinaria delle strade, compresi gli appalti per la neve, il verde e le riparazioni varie, circa 1.300.000,00.

Icona documento Focus su investimenti (250 KB)